Migliore crema antirughe: come sceglierla?

Quante volte, in profumeria, molte donne si sono sentite in difficoltà nella scelta di una giusta crema per il viso, e nello specifico la migliore crema antirughe, considerata l’ampia offerta disponibile?
 
Come muoversi, quindi, per fare l’acquisto giusto, privilegiando prodotti che abbiano un effetto benefico reale e che non siano nocivi per la salute della propria pelle?
 

Migliore crema antirughe: guida alla scelta

Occorre tenere presente alcuni parametri quando si analizza una crema per il viso e a tal fine, una serie di considerazioni possono ritornare utili.
 
Il primo fattore da considerare, soprattutto se si cerca la migliore crema antirughe, è la presenza di antiossidanti, ossia sostanze chimiche come per esempio, alcune vitamine, che permettono di contrastare le rughe attenuando l’effetto nocivo dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cutaneo.

Un altro parametro da considerare è la presenza di una discreta quantità di retinolo, sostanza che se usata fin da giovani, aiuta a prevenire la comparsa delle rughe, grazie alla sua azione di rinnovamento cellulare e di mantenimento dell’elasticità della pelle.

Non bisogna trascurare eventuali intolleranze al nichel, che rendono necessario scegliere una crema nichel tested.

 
E’ importante che la crema presenti al suo interno un buon filtro con azione di protezione dai raggi del sole, che sono i più dannosi in quanto provocano il raggrinzimento della pelle e favoriscono lo svilupparsi delle rughe, motivo per cui è fondamentale un’accurata scelta della crema solare.
 
Occorre considerare anche, durante la scelta della crema antirughe: il tipo di pelle, che può essere normale, mista, grassa o secca; l’età, in base alla quale si dovranno preferire prodotti dall’azione più o meno intensa; la presenza o meno di allergie o disfunzioni come l’acne rosacea.
 
Fondamentale, in ogni caso, è mantenere sempre alto lo stato di idratazione.
 
Negli ultimi anni, oltre al già ampio panorama di creme cosmetiche esistenti, si è approfondita molto la conoscenza degli ingredienti utilizzati per la loro preparazione.
 
Spesso, l’aspetto nocivo di elementi industriali utilizzati, come per esempio siliconi e petrolati, si materializza con allergie e intolleranze cutanee.
 
Per ridurre queste pericolose controindicazioni, si sono diffusi molti prodotti naturali, recanti ingredienti innocui per la salute.
 

La biocosmesi: creme che funzionano?

Attualmente, la biocosmesi sta vivendo un momento d’oro, grazie proprio alla maggiore informazione del consumatore che cerca di indirizzarsi verso prodotti sani.
Questo tipo di creme utilizzano i principi attivi di erbe e piante, inoltre sono totalmente prive di parabeni, paraffine, OGM, sostanze trattate con radiazioni e derivati di animali.
 
Le creme viso bio e quelle antirughe più naturali, sono spesso dotate di alte concentrazioni di Aloe Vera, olio di olive o olio di argan, camomilla e calendula, tutti elementi che spiccano per le loro proprietà lenitive, idratanti e protettive.
 
Il miglior modo per controllare la qualità di un prodotto per il viso, è controllare il suo INCI, ossia la lista degli ingredienti da cui è composto, che per legge, dev’essere riportata nel retro della confezione.
 
Il principio di funzionamento dell’INCI è che gli elementi sono riportati in ordine decrescente di quantità: il primo è quello con il contenuto maggiore e gli altri che seguono sono presenti in quantitativi via via minori.
 
Le migliori creme antirughe sono quelle che tra i primi ingredienti hanno l’acqua e sostanze marcate con il bollino verde nella classifica dell’INCI.
 
Spesso le creme industriali, invece, riportano nelle prime tre posizioni, sostanze chimiche bollate come rosse e che quindi, possono essere potenzialmente dannose per la pelle.
 
Nelle creme antirughe naturali, spesso vengono usati i principi attivi degli agrumi, il burro di karitè e della rosa mosqueta.
 
La presenza sul mercato di un’ampia scelta anche per il reparto della biocosmesi ha portato a una variazione sostanziale anche dei prezzi di vendita.
 
Anche se i grandi brand dell’estetica hanno mantenuto a un livello medio alto i lorp prezzi, non hanno potuto fare a meno di scontrarsi con nuove marche emergenti che hanno rapidamente preso piede sul mercato.
 
Così sono state lanciate linee specifiche a prezzi concorrenziali.
 
La domanda quindi, a questo punto, è se il prezzo con cui si presenta una certa crema, è davvero all’altezza del risultato che prospetta o se viene sopravvalutata.
 

Conviene davvero spendere tanto per una crema perchè è naturale?

La risposta è, come sempre nell’INCI.
 
Scegliere una crema antirughe che non sia nociva per la salute è un investimento per il proprio futuro e conviene mantenere alti gli standard di prodotti utilizzati.
 
Considerate le contaminazioni a cui si è abitualmente soggetti, è anche giusto spendere una cifra maggiore per un prodotto che, essendo totalmente naturale, è anche più complesso da produrre.
 
Infatti, mentre gli elementi sintetici sono, tutto sommato, facilmente reperibili, quelli naturali no, inoltre, essi hanno bisogno di essere trattati il meno possibile.
Di conseguenza, il prezzo di acquisto sale.
 
Nonostante tutto, la qualità merita sempre di essere preferita.
 
Conviene investire sulla propria pelle il prima possibile, per poi poter godere dei risultati più avanti negli anni.

Ti è piaciuto l'articolo, perchè non lo condividi?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Un tuo Commento è Gradito!

Un commento su “Migliore crema antirughe: come sceglierla?”

Lascia un commento